Cristian Meloni
HomeSedeServiziFAQNewsUtilizzo del sitoArea RiservataContatti
News
Emergenza epidemiologica da COVID-19: sospensioni termini. Sospensione degli adempimenti e del versamento dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali, disposta con il decreto-legge 2 marzo 2020, n. 9.
Dal 1° aprile 2019 i lavoratori dipendenti del settore privato non agricolo dovranno inoltrare la domanda di assegno per il nucleo familiare esclusivamente in via telematica direttamente all’Inps che provvederà ad effettuare il calcolo dell’importo spettante

Permessi per lutto o grave infermitÓ

  • Permessi per lutto


    Il lavoratore può usufruire di permessi retribuiti in caso di decesso o grave infermità del coniuge, anche se legalmente separato, di un parente entro il secondo grado, anche non convivente, o di un soggetto componente la famiglia anagrafica del lavoratore.

    MISURA E FRUIZIONE. I permessi per lutto sono concessi nella misura massima di tre giorni retribuiti all’anno a prescindere dal numero degli eventi che si dovessero verificare salvo condizioni di miglior favore concesse dal CCNL applicato. I permessi devono essere fruiti entro 7 giorni dal decesso o dall’accertamento dell’insorgenza della grave infermità o della necessità di provvedere a conseguenti specifici interventi terapeutici.
    Nel caso di grave infermità il lavoratore può concordare con il datore di lavoro, in alternativa all’utilizzo dei giorni di permesso, diverse modalità di espletamento dell’attività lavorativa, anche per periodi superiori a tre giorni. L’accordo è stipulato in forma scritta, sulla base della proposta del lavoratore. Nell’accordo sono indicati i giorni di permesso che sono sostituiti dalle diverse modalità di espletamento dell’attività lavorativa; dette modalità devono comportare una riduzione dell’orario di lavoro complessivamente non inferiore ai giorni di permesso che vengono sostituiti. La riduzione dell’orario di lavoro conseguente alle diverse modalità concordate deve avere inizio entro sette giorni dall’accertamento dell’insorgenza della grave infermità o della necessità di provvedere agli interventi terapeutici.
    I permessi sono cumulabili con quelli previsti per l’assistenza delle persone handicappate dall’articolo 33 della L. 104/92.

    DOCUMENTAZIONE. per il decesso del il familiare o convivente il lavoratore deve presentare la documentazione che attesti: il grado di parentela o la condizione anagrafica in caso di convivente, il decesso; per la grave infermità il lavoratore deve presentare entro 5 giorni dell’attività lavorativa idonea documentazione rilasciata dal medico specialista o dal medico generico o dalla struttura sanitaria.



Pagine: 1